Rosberg si porta a casa il GP d’Italia

ROSBERG SI PORTA A CASA IL GP D’ITALIA

ROSBERG SI PORTA A CASA IL GP D’ITALIA

Rosberg si porta a casa il GP d’Italia – 04.09.2016 – Formula 1 Gran Premio Heineken d’Italia – Autodromo Nazionale Monza – Inizia il quattordicesimo round della Formula 1, sul Circuito dell’Autodromo Nazionale Monza, che si trova nella regione Lombardia in Italia. La pista è lunga 5.793 metri e offre 11 curve tutte difficilissime, oltre ai velocissimi rettilinei tra cui il rettilineo di partenza-arrivo. La gara è asciutta, c’è un bel sole e ci sono 29 gradi in aria e ben 37 sulla pista. In gara 22 piloti di diverse nazionalità.

La Pole Position del sabato viene vinta dal pilota Lewis Hamilton su Mercedes con il tempo di 1.21.135”. Dietro di lui si piazza il compagno di squadra Nico Rosberg su Mercedes con un ritardo di 0.478” e al terzo posto si piazza la Ferrari guidata da Sebastian Vettel con un ritardo di 0.837”. Kimi Raikkonen sull’altra Ferrari partirà dal 4° posto.

La Gara. Gara su uno dei circuiti storici dove si corre la Formula Uno dal 1950, nonché Circuito più veloce del campionato. Dopo il rinnovo per disputare la Formula Uno fino al 2019 grazie ad una lunga trattativa e all’impegno da parte della Heineken, Monza si trova ancora al centro delle gare vista la sua storia e la sua importanza a livello internazionale. Sulla griglia di partenza si osserva un minuto di silenzio in onore delle vittime del terremoto avvenuto ad Amatrice. In prima fila Marchionne, Maroni, Piero Ferrari e Bernie Ecclestone che si commuove ascoltando l’Inno Italiano mentre passano le frecce tricolore sul parco di Monza.

In partenza le Mercedes partono con gomme soft, mentre gli altri fino alla posizione 10 partono con le supersoft. Quindi una sosta prevista per le “argento” e due soste per tutti gli altri comprese le “rosse”. In partenza parte benissimo Nico Rosberg con la Mercedes e molto bene anche le due Ferrari, che si inseriscono tra le due Mercedes insieme alla Red Bull di Daniel Ricciardo e la Williams di Valtteri Bottas. Perde ben cinque posizioni Lewis Hamilton con l’altra Mercedes, vista la bruttissima partenza. Ma Hamilton non ci sta e inizia subito la rimonta. Al giro numero due passa subito Ricciardo e si mette nella scia di Bottas, che però riesce a chiudere tutte le entrate. Al giro numero 7 c’è grande bagarre nelle posizioni di rincalzo tra Magnussen su Renault, Button su McLaren, Sainz su Toro Rosso e Ericsson su Sauber con sorpassi e contro sorpassi validi per conquistare le posizioni dalla 14 alla 17. Giro numero 10 viene inflitta una penalità di 10” a Felipe Nasr su Sauber per aver causato l’incidente in partenza con Joylon Palmer su Renault, ma entrambi i piloti sono già ai box per ritiro. Nel frattempo Hamilton continua la sua ricerca di sorpasso su Bottas, che riesce di forza sul rettilineo di arrivo, nonostante il pilota finlandese cerchi in tutti i modi di rimanere attaccato all’inglese, senza risultati, la Mercedes va via. Al giro numero 15 Rosberg ha un vantaggio di più di 10” da Vettel, segue Raikkonen e Hamilton. Dietro di loro Ricciardo alla ricerca di punti per la classifica. Iniziati i cambi gomme, al giro successivo si ferma Raikkonen che monta le Supersoft e rientra al 6° posto, dopo di lui rientra Vettel che monta anche lui le Supersoft e rientra al 3° davanti al compagno di squadra. Intanto rientra anche Ricciardo che monta le Soft e rientra al 7° posto. Le due Mercedes viaggiano in testa e Rosberg guadagna circa 15” su Hamilton, ma i due devono ancora effettuare il cambio gomme. Al giro 24 rientra prima Rosberg e monta le Medie per arrivare a fine gara con una sosta, rientra 2°, ma subito dopo di lui è la volta di Hamilton che monta anche lui gomme Medie e rientra 4° dietro le Ferrari che però dovranno effettuare un secondo cambio. Non succede nulla fino al giro 34 quando Sebastian Vettel rientra ai box per il secondo cambio gomme e monta le Soft. Rientra in pista al 5° posto. Dietro di lui rientra Kimi Raikkonen che effettua lo stesso cambio e rientra 6°, in attesa che anche Bottas e Ricciardo effettuino il secondo cambio, che arriverà tra il giro 36 e il giro 38 per entrambi. Al giro 39 verrà investigata la manovra di Kvyat su Toro Rosso in uscita dai box, al pilota vengono inflitti 5” di stop, ma il pilota rientrato ai box si ritira dalla gara. Al giro 41 spavento per Hamilton che va largo, ma rientra in pista senza problemi e con un ampio margine su Vettel che segue.

La gara finisce con la vittoria di Nico Rosberg su Mercedes con il tempo di 1:44:51:058”, al secondo posto si piazza Daniel Ricciardo su Red Bull Lewis Hamilton su Mercedes con un ritardo di 14.113“ e al terzo posto si piazza Sebastian Vettel su Ferrari con un ritardo di 27.634”. L’altro ferrarista arriva 4° e l’altro contendente alla classifica Daniel Ricciardo arriva 5°. Il giro veloce è il giro numero 52 di Fernando Alonso su McLaren con il tempo di 1.25.340”.

1. Nico Rosberg Mercedes  1:17:28.089″
2. Lewis Hamilton Mercedes  + 15.070″
3. Sebastian Vettel Ferrari  + 20.990″
4. Kimi Raikkonen Ferrari  + 27.561″
5. Daniel Ricciardo Red Bull  + 45.295″
6. Valtteri Bottas Williams + 51.015″
7. Max Verstappen Red Bull  + 54.236″
8. S Perez Force India  + 64.954″
9. Felipe Massa Williams  + 65.617″
10. Nico Hulkenberg Force India  + 78.656″

Segui la classifica aggiornata su : http://www.sportpervoi.it/f1classifica2016

Il prossimo appuntamento con la Formula Uno sarà con il GP di Singapore, sul Circuito di Singapore, nel week end del 17-18 Settembre 2016.

 

 

 

(Foto woobazoo.com)

Ileana Valente

fotografo, articolista, seo, copywriter, editor