REA SI PRENDE ANCHE GARA 2 IN AUSTRALIA
REA SI PRENDE ANCHE GARA 2 IN AUSTRALIA

REA SI PRENDE ANCHE GARA 2 IN AUSTRALIA

REA SI PRENDE ANCHE GARA 2 IN AUSTRALIA

Rea si prende anche Gara 2 in Australia – 26.02.2017 – Yamaha Finance Australian Round – Seconda gara della nuova stagione del campionato del mondo di Superbike 2017. In pista moto e piloti che parteciperanno all’intero campionato oltre alle wild card ammesse ad ogni gran premio. Prima gara in Australia sul Circuito di Phillip Island. Il Phillip Island Grand Prix Circuit ci regala 4.445 metri composti da 12 curve, 5 a destra a 7 a sinistra oltre al rettilineo di 835 metri che segna la partenza e l’arrivo. 21 i piloti al via, meteo buono e 24° la temperatura dell’aria e 44° la temperatura sull’asfalto.

Ieri si è disputata Gara 1, vinta dall’inglese Johhatan Rea su Kawasaki, secondo posto per Chaz Davies su Ducati e terzo posto per Tom Sykes su Kawasaki.

Oggi domenica è stato il turno di Gara 2. Con il nuovo regolamento in SBK per il campionato 2017, i primi 9 piloti in arrivo in gara 1, formeranno la griglia di partenza di Gara 2 a posizioni invertite, dalla 9° alla 1° posizione.

Al via i piloti subito velocissimi sul piccolo rettilineo, alla prima curva si inseriscono Xavi Fores su Ducati, Michael Van Der Mark su Yamaha, Alex Lowes sull’altra Yamaha, ma a metà giro Fores va largo e costretto a rientrare in 3° posizione. Al 1° giro le posizioni sono Alex Lowes, Eugene Laverty su Aprilia, Xavi Fores, Leon Camier su MV Agusta, Jonathan Rea su Kawasaki, Chaz Davies su Ducati, Michael Van Der Mark. I primi tre cercano l’allungo, ma il gruppone resta attaccato, seguito dall’altra Kawasaki con Tom Sykes e da Marco Melandri con l’altra Ducati in 10° posizione. Inizia il gioco dei sorpassi sul rettilineo che mette a prova i motori e che avvantaggia Rea che passa Lowes e si porta terzo, mentre Melandri passa facile Sykes. In un giro Rea passa che Laverty e punta Fores per prendersi la prima posizione. Intanto Melandri passa anche Camier e si porta in 7° posizione. Giro 4, Melandri approfitta del motore Ducati e sul rettilineo passa Van Der Mark, mentre Davies si porta al 3° posto. Serie di sorpassi e contro sorpassi tra Laverty, Melandri e Van Der Mark. Giro 5 è Rea che effettua l’ultimo sorpasso su Fores e se ne va in testa alla gara, mentre lo spagnolo è già tallonato da Davies. Giro 6 Davies attua il sorpasso e si porta dietro a Rea, mentre dietro Melandri risale in 5° posizione e gira a suon di giri veloci, tirandosi dietro anche Tom Sykes che recupera. Il gruppo di testa ora vede Rea, Davies, Fores, Lowes, Melandri, a quasi 2” Sykes ed il resto del gruppo degli inseguitori. Giro 7, Lowes passa Fores ma sul rettilineo le posizioni cambiano tutte, portando Davies in testa provvisoriamente. Giro 10 il gruppo dei cinque di testa, si sorpassano a vicenda facendo riavvicinare così anche Sykes, che però non è davvero performante. Al giro 12 sul rettilineo un Rea indemoniato passa tutti e si prende la testa della gara, davanti alle Ducati di Melandri e Davies, mentre Sykes è attaccato a Lowes in coda al gruppo. A 8 giri dal termine entra per primo Melandri e gli altri a seguire, quattro giri in testa per “Macho”, che poi deve lasciare il passo a Rea e Davies, seguiti da Lowes e Fores che però non riescono a passare Melandri. Per ultimo chiude il gruppo Sykes di nuovo a più di 1”. A 3 giri dal termine Lowes si riporta in 3° posizione passando Melandri, che viene passato anche da Fores, ma la Ducati di Melandri va di motore e riesce a passarli entrambi e restare in terza piazza. Sul rettilineo del penultimo giro Davies passa Rea, che viene passato anche da Lowes, ma Rea in accelerazione passa sopra la Yamaha. Ultimo giro entrano Davies, Rea, Lowes e Melandri, ma Rea passa Davies dopo un paio di curve e Melandri passa interno su Lowes. Rea vince in volata su Davies, seguito da Melandri.

Vince la gara Jonathan Rea su Kawasaki con il tempo di 33.52.785”, al secondo posto si piazza Chaz Davies con la Ducati con un ritardo di 0.024” e al terzo posto il compagno di squadra Marco Melandri sull’altra Ducati con un ritardo di 0.249”.

Il giro veloce è il giro numero 6 di Marco Melandri su Ducati con il tempo di 1.31.178” e la velocità di 175,503 km/h.

Gli altri italiani si piazzano al 9° posto Lorenzo Savadori su Aprilia, mentre cadono Ayrton Badovini e Riccardo Russo su Yamaha. Il sanmarinese Alex De Angelis si Kawasaki si piazza all’11° posto.

1. Johnatan REA Kawasaki 33’52.785″
2. Chaz DAVIES Ducati + 0.025″
3. Marco MELANDRI Ducati + 0.249″
4. Alex LOWES Yamaha + 0.956″
5. Xavi FORES Ducati + 2.320″
6. Tom SYKES Kawasaki + 4.781″
7. Michael VAN DER MARK Yamaha + 7.307″
8. Leon CAMIER MV Agusta + 9.756″
9. Lorenzo SAVADORI Aprilia + 11.135″
10. Eugene LAVERTY Aprilia + 20.123″
11. Alex DE ANGELIS Kawasaki + 25.799″
12. Joshua BROOKES Yamaha + 25.879″
13. Markus REITERBERGER BMW + 25.917″
14. Roman RAMOS Kawasaki + 26.292″
15. Stefan BRADL Honda + 28.440″

Segui la classifica aggiornata su : http://www.sportpervoi.it/motori/sbk/sbk-classifica-2017/

Prossimo appuntamento con la Superbike è per il weekend del 10-12 Marzo 2017, con il GP di Tailandia sul Circuito del Chang International.

 

 

(Foto motorsport.com)

Ileana Valente

fotografo, articolista, seo, copywriter, editor