Rea domina Imola1
Rea domina Imola1

Rea domina Imola1

Rea domina Imola1

Rea domina Imola1 – 11.05.2019 – Pirelli Italian Round – Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola.  Al via il quinto round della stagione del Campionato Mondiale di Superbike 2018. Il Circuito è uno dei circuiti più belli e complessi del campionato : l’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola. La pista è lunga 4.936 metri con 22 curve di cui 13 verso sinistra e 9 verso destra. Sulla pista ci sono 28 gradi e 21 sono i gradi di temperatura dell’aria. Al via 18 piloti.

 Rea e la Kawasaki risorgono insieme !

La Superpole viene conquistata da Chaz Davies con la Ducati con il tempo di 1.45.180”, al secondo posto si piazza Jonathan Rea su Kawasaki con un ritardo di 0.127” e al terzo posto si piazza Alvaro Bautista su Ducati con un ritardo di 0.901″. Seguono: 4° posto per Leon Haslam con l’altra Kawasaki, 5° Alex Lowes su Yamaha e 6° Tom Sykes su BMW. Marco Melandri su Yamaha indipendente è 12°. Non partiranno Leon Camier con la Honda, reduce da un infortunio ha deciso di saltare Gara1 e Eugene Laverty su Ducati indipendente. Il pilota si è fratturato entrambi i polsi in una caduta durante la superpole e verrà sostituito dal pilota inglese Tommy Bridewell.

Gara 1. Tempo strano a Imola, sole e nuvole, caldo e freddo, pista difficile, poche vie di fuga, tante cadute e problemi tecnici per le moto, sarà un’incognita. Pronti, via, il primo a inserirsi alla Tamburello è Chaz Davies su Ducati, tallonato da Jonathan Rea con la Kawasaki  e da Alvaro Bautista con l’altra rossa. Dietro seguono le Yamaha guidate da Alex Lowes e Michael Van Der Mark, Toprak Ratzgatioglu con la prima delle Kawasaki indipendenti e Leon Haslam con l’altra Kawasaki ufficiale. Non finisce il giro e alla Tosa che di potenza Rea passa su Davies, che viene scavalcato anche dal compagno di squadra Bautista, ma non finisce qui perché Davies è costretto al ritiro per un problema tecnico. Al giro 2 Rea ha già un bel gap di 1″ su Bautista, mentre dietro si viaggia a posizioni invariate. Al giro 5 inizia la lotta per il terzo posto del podio e iniziano anche i soliti problemi di tenuta della Bmw di Sykes, che in un paio di giri si trova in coda al gruppo degli inseguitori. Al giro 12, metà gara, la lotta per il terzo gradino del podio è affare tra Van der Mark e Ratzgatioglu, mentre cerca l’aggancio anche Haslam, cha ha staccato Lowes attardato in fondo. Giro 13 c’è il ritiro di Sykes per problemi tecnici, mentre davanti Van der Mark e Ratzgatioglu prendono gap su Haslam. A due giri dal termine è lotta vera per il 3° posto, ha preso le misure il turco, che all’ultimo giro riesce a passare la Yamaha e se ne va sul podio di Imola insieme ai due big.

I 19 giri finiscono con la vittoria di Jonathan Rea su Kawasaki, al secondo posto il pilota Alvaro Bautista su Ducati e al terzo posto Toprak Ratzgatioglu su Kawasaki indipendente.

1.  Jonathan Rea   Kawasaki  33.48.277″
2. Alvaro Bautista Ducati  + 7.832”
3. Toprak Ratzgatioglu Kawasaki ind  + 19.291”

Il giro veloce è il giro numero 3 di Jonathan Rea su Kawasaki con il tempo di 1.46.023” e una velocità di 167.60 km di media oraria.

Gli italiani si piazzano :

6. Marco Melandri Yamaha (ind)
8. Michael Ruben Rinaldi Ducati (ind)
9. Lorenzo Zanetti Ducati (ind)
15. Alessandro Del Bianco Honda (ind)

Appuntamento a domani mattina per la Tissot Superpole Race e per Gara 2.

 

 

Foto ileanavalente.com

Ileana Valente

fotografo, articolista, seo, copywriter, editor