ILKA STUHEC DEGNA EREDE DELLA MAZE
ILKA STUHEC DEGNA EREDE DELLA MAZE

ILKA STUHEC DEGNA EREDE DELLA MAZE

ILKA STUHEC DEGNA EREDE DELLA MAZE

Ilka Stuhec degna erede della Maze – 16.12.2016 – Primo appuntamento con la Combinata Nordica per le sciatrici delle nazionali femminili di sci alpino. Nella doppia gara giornaliera con Discesa Libera e Slalom, le atlete si affrontano sulla pista Oreiller-Killy in Val d’Isere. Manca la sciatrice statunitense Mikaela Shiffrin che ha preferito dedicarsi al Gigante di Courchevel prossima settimana.

La pista da Discesa ha molto grip, il primo tratto è aggressivo, mentre la seconda parte gira di più, ci sono dei cambi di consistenza nevosa, dati anche da zone in piena luce e altre in pieno buio. Dopo il secondo salto si prende velocità e si arriva anche a 120 km/h. Fondo perfetto e compatto, temperature di -6° in partenza a 2.550 metri e -4° all’arrivo a 1.810 metri.

Il tracciato della discesa è disegnato dal tecnico francese Vuillet e conta 38 porte, con dossi che escono su curve cieche e da imparare a memoria.

La classifica di discesa vede in testa a sorpresa l’americana Corinne Ross con il tempo di 1.46.01”, al secondo posto Cornelia Huetter con un ritardo di 0.32” e al terzo posto Ilka Stuhec con un ritardo di 0.74”. Ottima prova di Sofia Goggia con il 4° tempo, mentre le protagoniste del campionato del mondo si piazzano in 7° posizione Lara Gut, in 11° posizione Kajsa Kling, al 20° posto Tessa Worley, al 29° posto Wendy Holdener. Nel primo pomeriggio la partenza dello Slalom.

La pista dello Slalom è parte della pista di discesa. Neve dura, ma con il fondo regolare e compatto. Parte in contropendenza e c’è molta ombra, ma è velocissimo e con diversi cambi di pendenza. Il tracciato è disegnato dal tecnico italiano Viale, sempre su 38 porte con distanza di circa 9.70 metri. Si parte da 1.988 metri e si arriva a 1.798 metri con -4° in partenza e 0° all’arrivo.

La prima a portarsi in testa è proprio Wendy Holdener che si porta subito in prima posizione in attesa degli slalom delle sue avversarie. Resta in testa fino all’arrivo di Michelle Gisin sua compagna di squadra, che con il numero 21 scende precisa e si porta davanti alla Holdener. Le due svizzere (e terza momentaneamente Mikaela Kirchgasser) restano in testa fino alla discesa di Sofia Goggia, 4° in discesa, che fa una gara stratosferica come ormai ci ha abituati, e arriva in seconda posizione. Subito dopo della Goggia è la volta della rivelazione Stuhec, che ha sostituito degnamente Tina Maze in squadra. La slovena scende tranquilla e precisa e si prende la vittoria in combinata. Lara Gut partita con il 7° tempo di discesa, inforca a metà gara e butta all’aria punti preziosi per la classifica.

La gara la vince Ilka Stuhec con il tempo complessivo di 2.40.33”, al secondo posto si piazza Michelle Gisin con un ritardo di 0.12” e al terzo posto la nostra Sofia Goggia con un ritardo di 0.16”.

1. Ilka Stuhec SLO 2.40.33”
2. Michelle Gisin SUI + 0.12”
3. Sofia Goggia ITA + 0.16”

Le italiane si piazzano al 6° posto Federica Brignone, al 15° posto Johanna Schnarf, al 30° posto Nicol Delago. Fuori dai punti, ma termina la gara Anna Hofer al 35° posto. Uscite Francesca Marsaglia, Elena Curtoni e Marta Bassino.

Segui la classifica generale su : http://www.sportpervoi.it/classifica-generale-f

 

 

 

 

(Foto oasport.it)

Ileana Valente

fotografo, articolista, seo, copywriter, editor